Odio di lunedi’..

dicembre 15, 2008 at 9:22 pm (casi umani, lavoro, personale) (, )

Queste sono le verità incomprese di vasco.

Lunedi’ di merda..Vabbè già tenendo il fatto che è inizio settimana, anzi pe meglio dire il continuo dell’altra visto che il W-E è durato si e no una decina di ore. Già stamane eravamo in un paio di persone in meno rispetto al solito, perquindi vai a manetta, non potete nemmeno immaginare che sforzo sia per me andare a manetta alle 7 di mattina, poi un acceno di nervosismo per altro ingiustificato della caponegozio, che ridendo ma con una faccia da divoratrice di agnelli mi dice che siamo in ritardo e di darmi una mossa..se avessi collegato il cervello 10 secondi prima le avrei dato una risposta ddelle mie. Non sopporto quando una persona deve per forza ridere essere iperattiva e “sempreverde”, è una cosa umanamente impossibile.

Poi ci si mettono pure i clienti, che si alterano quando non capisci se ti viene detto :

– Mi dai un LITRO un LITRO e due di quel pane…!!  ( cazzo è !! te lo bevi il pane ?? )

Oppure..:

– Mi dai il pane di VALSOIA..!! ( cazzo è !! un gelato ?? )

Come contorno a tutto l’unica persona che mi ha detto (ridetto) che ero proprio bello era stranamente una vecchia, che a detta di una mi collega le ha regalato un paio di mutande….sue, vecchie di una decina d’anni con il tipico colorito giallognolo !! per cui non ho nemmeno potuto dargli corda e darmi un po di merda..non si sa mai che mi regala delle mutande di suo marito defunto con la SGOMMATA..!!

Annunci

Permalink Lascia un commento

L’ignoranza non ha limiti..

dicembre 2, 2008 at 4:57 pm (casi umani, lavoro, personale, vita) (, , , , , )

vecchia_ciabattama_con_classe102-12-08    CoopNordest   Bagnolo new   11.00 am

In quella fredda mattina Amish stava lavorando, riforniva il latte a lunga conservazione (uht) per la precisione, quando ad un certo punto gli si avvicinò una dolcissima vecchietta cheta cheta, che ad occhio e croce aveva una settantina d’anni. Con un fare molto tranquillo e la classica voce da vecchietta si mise a chiamarlo..:

– Ve giovanotto, giovine ! … “spiegami le uova !!”

Amish, con quella poca vitalità a quell’ora del mattino che lo contraddistingue aggrottò la fronte ed alzò vistosamente il sopracciglio destro come per dire..:

“Ecco ci mancava la vecchia rimbambita..”

Ma appena realizzato quello che l’anziana signora volesse intendere, cioè un semplice..:

– “Volevo un’informazione su quelle uova..”

Con una mossa furtiva per non dire sbrigativa si mise tra lo “scaffale uova” e la signora e le chiese come poteva esserle utile. Dopo un monologo della signora di 10 minuti con la padronanza della lingua italiana pari a quella di un canguro in putrfazione, Amish riusci’ a capire che, la nuora dell’anziana le proibi’ di comprare le uova in questione perchè costavano troppo poco e di conseguenza non fossero buone, addirittura puzzassero.

Amish con il suo eccellente modo di gestire certe situazioni, il tono elegante di chi è dalla parte del giusto, le rispose che era tutto a posto, che non si sarebbe dovuta preoccupare perchè era solo una questione di marche. La signora ormai convinta, essendo logorroica si lasciò sfilare dalla bocca un’ultima frase..:

– Ma sai mia nuora mi ha detto che non devo, perchè non sono buone sono gli scarti che mettono qui per i “negri” gli “extracomunitari” insomma “chi loor” (loro)..

Finita la frase si sentii un tonfo, un boato pazzesco nello stabile…erano cascate le palle di Amish !!

Con il solito sorriso idiota ma risolutore il ragazzo liquidò la vecchia, come il suo lavoro ed il buon senso gli imponevano, quando l’istinto invece gli diceva di toglierle le uova da davanti agli occhi e spappolargliele in testa perchè anche lo stesso Amish era un cosidetto “negro”.

Permalink 1 commento

Cadute di stile..

novembre 17, 2008 at 1:10 am (casi umani, donne, vita) (, , , , , , )

Sabato. Coop bagnolo nuovo.

Come al solito sto lavorando, ma sono fuori a caricare la roba sul murale dei freschi, e come al solito al sabato è un trauma essere a “sgobbare” per la montagna di gente che viene a fare la spesa (come se stessero tutti morendo di fame), perchè è l’ultimo giorno della settimana, perchè la notte non dormi visto che sei a ballare fino alle 5 ecc..ecc..ecc..

Immerso nei miei pensieri (pochi il sabato) stanco, affamato, assetato, addormentato o indispettito che sia le BELLE TOPE non mi passano inosservate. Questa è una ragazza/donna sulla trentina, molto probabilmente mamma (lo leggevo nei suoi occhi) con jeans bianchi attillatissimi dentro a degli stivali marrone lucidissimo con le solite pieghe verso la caviglia, magliettina nera semplice semplice con sopra una giacchettina striminzita ovviamente in pelle (nera), aveva dei lughi capelli mossi e neri, ed un viso carinissimo con il solito acceno a lievi rughette qua e la, lo sguardo fiero e serio (tipo, vedi tu quanto sono figa !!). In quel momento, come d’incanto i miei pochi e confusi pensieri diventarono tanti e belli, tanto è che continuo a seguirla con lo sguardo era come se facessi la spesa con lei, dopo un po che la seguivo (naturalmente solo con lo sguardo) mi accorgo che è una donna veramente delicata e finissima e la stavo quasi per giudicare perfetta ed intoccabile prima che i miei occhi furono costretti a guardare questo scempio :

– E la ragazza si avvicinò delicatamente come suo solito fare alla bilancia dell’ortofrutta, si chinò leggermente per prendere uno di quei sacchettini trasparenti quando il ragazzo (io) poco dietro di lei che continuava a fissarla per la sua infinita bellezza vide alzarsi la giacca e la maglietta e abbassarsi leggermente i pantaloni, già con la bava alla bocca notò che lei aveva una lunga canottiera nera infilata dentro ad un perizoma bianco con i cuoricini rossi..-

Ma dico io ma porca di una puttana va bene l’intimo bianco orrendo con i cuoricini rossi ma come cazzo fai a portare la canottiera dentro il perizoma !?!!?!!

INACCETTABILE !!

Permalink 2 commenti

Questa poi..

novembre 13, 2008 at 10:20 pm (casi umani, donne, vita) (, , , , )

Sono allibito. Sconvolto. Schifato. Sono senza parole..

Non credevo esistessero persone cosi’, movimenti cosi’ estremisti (oltre a quelli che conosciamo già), sto tentando di esprimere inutilmente quello che sento/provo ma mi sa che non ce la farò, quindi vi lascio ad un video che ho visto grazie ad una segnalazione di LARVOTTO.

Permalink Lascia un commento

Morirò presto..

ottobre 4, 2008 at 8:46 pm (casi umani, personale, vita, week end) (, )

Venerdi’.

Dopo 9 ore di lavoro strazianti terminate alle 20.30 ho visto bene di andare in palestra, già li’ avrei potuto evitare, ma visto che io sono “vero uomo”. Poi la serata è cominciata naturalmente come tutti i venerdi’ all’insegna del Vodka-Redbull..

E direi che è solo cominciata e mai finita. Logicamente è già successo che ongni tanto quando mi ubriaco bevo perdo degli spezzoni di serata, ormai è diventata una cosa normale, ma di ieri sera non mi ricordo più un cazzo, un cazzo proprio. Non ricordo chi ho visto, chi c’era con me, che ho preso io la macchina (senza guidare mi hanno detto), so dov’ero solo perchè sapevo che sarei andato li’, cosa ho detto, cosa ho fatto ( e la cosa mi preoccupa ).

Vuoto totale..come se non avessi vissuto, come se fossi morto e resuscitato. NO BENE.

Però un amico mi ha tranquillizzato dicendomi che se non mi brucia il buco del culo è andato tutto bene.

Mi sa che se continuo cosi’…

Ma in fondo sono ancora giovane e bello quindi vada come deve andare..

Permalink 3 commenti

Esplosione imminente..

agosto 26, 2008 at 12:31 am (casi umani, vita) (, , )

Attenzione ! attivata autodistruzione…!

Attenzione ! attivata autodistruzione…!

Tutti i presenti sono pregati di evaquare la zona !

Esplosione imminente !

Esplosione imminente !

Questo è quello che sentirò dire al mio cervello fra qualche tempo…se non smetterò di ingurgitare qualsiasi cosa che dia anche solo una vaga sensazione di commestibile.

Devo fare assolutamente qualcosa, sono ingrassato di 7/8 kg in un batter d’occhio, ripeto 7/8 kg!! ammetto di non avere mai avuto un’alimentazione ne attivita fisica regolare, ma questa volta sono deciso. Riuscirò a tirare fuori il Bronzo di Riace che è in me, anche se se se, qualcunoa  persona del “Bronzo di riace” me lo ha già dato…ma facciamo finta che me lo abbiano inteso come offesa, tipo “brutto merdone di un bronzo di riace che non sei altro!!” perchè se no dopo mi lodo troppo.

In caso non ci riuscissi mi rassegnerò e farò la fine di uno di questi sensualissimi e finissimi signori…

Permalink 2 commenti

Il guaritore..

agosto 3, 2008 at 7:07 pm (cagate, casi umani, vita) ()

Quando i bambini fanno oh..anvedi quant’è scemo questo!

Povia, quello de “I bamnini fanno oh”, è stato recentemente intervistato dal settimanale Panorama. Un’intervista singolare che non ci saremmo aspettati da un cantante che lo scorso 4 giugno è salito sul palco del Pluriel Pride Concert, il concerto di chiusura del Gay Pride nazionale.

Nell’intervista emerge un po’ confuso, dice che in Italia la politica non esiste perché nessuno l’amministra bene, e che tutti penseranno che è di sinistra perché non vuole la guerra, ma lui alle ultime lezioni ha votato il vincitore, ha votato Berlusconi. Ma figuriamoci se ci spaventa questo. Cè ben altro nell’intervista.  Ad una domanda sui referendum risponde di essere andato a votare ma non dirà mai come, ma aggiunge “… Lo dico? Per me che due gay o due lesbiche possano adottare un figlio non è affatto giusto”.

Allora la giornalista di Panorama, Costanza Rizzacasa d’Orsogna, in calza: La famiglia non è solo quella tradizionale. E comunque all’estero, negli Stati Uniti, per esempio, agli omosessuali danno la possibilità di adottare ragazzini gay.

E Povia risponde “Perché, ci sono ragazzini gay? Gay non si nasce. Lo si diventa in base a chi frequenti, a quello che ti insegnano da piccolo. Come quei bambini che mamma e papà picchiano e loro per perversione vogliono essere picchiati. Ma se lei mi vuole bene, non la scriva questa cosa. Non scriva che l’ho detto, perché non è normale avere queste idee. Anche se ognuno è libero di pensarla come vuole. Comunque io so quello che dico. Anch’io ho avuto una fase gay. E’ stato quando avevo 18 anni. È durata sette mesi, poi l’ho superata. E ho anche convertito due miei amici che credevano di essere gay e invece adesso sono sposati e hanno anche dei figli

L’intervista continua con allusioni su Tiziano Ferro e la sua insinuata omosessualità, ma con il quale vorrebbe lavorare tanto, “tanto si sa che Tiziano scrive le canzoni per scoparsi le ragazze“.

Insomma un’insieme di affermazioni divertenti e surreali che stentiamo a credere. Ma che sono vere. Ad onor di cronaca bisogna precisare che Povia al Concerto del Gay Pride partecipò senza alcuna remunerazione. Forse sperava di guarire in massa tutto il popolo del Pride?

Articolo preso e copiato direi paro paro da Federico giunta su gay tv.

Permalink 3 commenti