Odio di lunedi’..

dicembre 15, 2008 at 9:22 pm (casi umani, lavoro, personale) (, )

Queste sono le verità incomprese di vasco.

Lunedi’ di merda..Vabbè già tenendo il fatto che è inizio settimana, anzi pe meglio dire il continuo dell’altra visto che il W-E è durato si e no una decina di ore. Già stamane eravamo in un paio di persone in meno rispetto al solito, perquindi vai a manetta, non potete nemmeno immaginare che sforzo sia per me andare a manetta alle 7 di mattina, poi un acceno di nervosismo per altro ingiustificato della caponegozio, che ridendo ma con una faccia da divoratrice di agnelli mi dice che siamo in ritardo e di darmi una mossa..se avessi collegato il cervello 10 secondi prima le avrei dato una risposta ddelle mie. Non sopporto quando una persona deve per forza ridere essere iperattiva e “sempreverde”, è una cosa umanamente impossibile.

Poi ci si mettono pure i clienti, che si alterano quando non capisci se ti viene detto :

– Mi dai un LITRO un LITRO e due di quel pane…!!  ( cazzo è !! te lo bevi il pane ?? )

Oppure..:

– Mi dai il pane di VALSOIA..!! ( cazzo è !! un gelato ?? )

Come contorno a tutto l’unica persona che mi ha detto (ridetto) che ero proprio bello era stranamente una vecchia, che a detta di una mi collega le ha regalato un paio di mutande….sue, vecchie di una decina d’anni con il tipico colorito giallognolo !! per cui non ho nemmeno potuto dargli corda e darmi un po di merda..non si sa mai che mi regala delle mutande di suo marito defunto con la SGOMMATA..!!

Annunci

Permalink Lascia un commento

L’ignoranza non ha limiti..

dicembre 2, 2008 at 4:57 pm (casi umani, lavoro, personale, vita) (, , , , , )

vecchia_ciabattama_con_classe102-12-08    CoopNordest   Bagnolo new   11.00 am

In quella fredda mattina Amish stava lavorando, riforniva il latte a lunga conservazione (uht) per la precisione, quando ad un certo punto gli si avvicinò una dolcissima vecchietta cheta cheta, che ad occhio e croce aveva una settantina d’anni. Con un fare molto tranquillo e la classica voce da vecchietta si mise a chiamarlo..:

– Ve giovanotto, giovine ! … “spiegami le uova !!”

Amish, con quella poca vitalità a quell’ora del mattino che lo contraddistingue aggrottò la fronte ed alzò vistosamente il sopracciglio destro come per dire..:

“Ecco ci mancava la vecchia rimbambita..”

Ma appena realizzato quello che l’anziana signora volesse intendere, cioè un semplice..:

– “Volevo un’informazione su quelle uova..”

Con una mossa furtiva per non dire sbrigativa si mise tra lo “scaffale uova” e la signora e le chiese come poteva esserle utile. Dopo un monologo della signora di 10 minuti con la padronanza della lingua italiana pari a quella di un canguro in putrfazione, Amish riusci’ a capire che, la nuora dell’anziana le proibi’ di comprare le uova in questione perchè costavano troppo poco e di conseguenza non fossero buone, addirittura puzzassero.

Amish con il suo eccellente modo di gestire certe situazioni, il tono elegante di chi è dalla parte del giusto, le rispose che era tutto a posto, che non si sarebbe dovuta preoccupare perchè era solo una questione di marche. La signora ormai convinta, essendo logorroica si lasciò sfilare dalla bocca un’ultima frase..:

– Ma sai mia nuora mi ha detto che non devo, perchè non sono buone sono gli scarti che mettono qui per i “negri” gli “extracomunitari” insomma “chi loor” (loro)..

Finita la frase si sentii un tonfo, un boato pazzesco nello stabile…erano cascate le palle di Amish !!

Con il solito sorriso idiota ma risolutore il ragazzo liquidò la vecchia, come il suo lavoro ed il buon senso gli imponevano, quando l’istinto invece gli diceva di toglierle le uova da davanti agli occhi e spappolargliele in testa perchè anche lo stesso Amish era un cosidetto “negro”.

Permalink 1 commento

Radio bruno..

novembre 18, 2008 at 8:53 pm (lavoro, personale) (, , )

Wow !!

Ieri per radio bruno hanno parlato di me e anche per un po di tempo. Non ho sentito io di persona non si sa chi è stato e non hanno fatto il mio nome, ma stavano parlando di certo di me. L’argomento, perchè un argomento ce sempre, era “salumerie, salumieri, botteghe, negozi” o qualcosa di simile e si stava discutendo (tra i conduttori e i messaggi degli ascoltatori) sul fatto che le “botteghette” e le salumerie non sono più come una volta e i dipendenti o sono vecchie scorbutiche o se ce ne sono uomini brutti e ciccioni, al chè una donzella che chi sa chi cazzo è ha mandato un messaggio con scritto una roba tipo..

– Si voi andate a fare la spesa alla coop a rubiera e guardate quel bel topolone di un salumiere con la pelle scura e poi mi sapete dire se è scorbutico BRUTTO e ciccione…

La classe non è acqua..!!

Permalink 1 commento

Fulmine a ciel sereno..

ottobre 17, 2008 at 8:29 pm (lavoro, personale, vita) (, , , , , )

Oggi è venuto in negozio (coop) il “capo” del mio reparto ( salumi latticini ), visti una prima volta,ciao ciao come va come non va, e mi lascia con una frase inquietante..

-Amissssssss tu quando mi vedi stai sempre preoccupato…

Il solito sorrisino da beota che lascia trasparire una cosa tipo ” hehe..cazzo dice sto scemo” e torno a lavorare senza pensare troppo al fatto. Dopo qualche tempo si avvicina il vice capo reparto e mi sussurra con un tono altrettanto inquietante..

-Ti vogliono in ufficio..

Io tra me e me penso “bah chissa chi avrò ucciso ??” e mi avvio verso l’ufficio con passi lunghi e ben distesi che lasciavano intendere chiaramete…curiosità. In men che non si dica sono arrivato, un po perplesso mi trovo la sedia vuota dalla parte più lunga del tavolo che da verso il muro, ed ai lati a capotavola il capo negozio e il “capo” ..

-Siediti..( sorridendo ma con parecchia determinazione )

-La tua avventura in questo negozio è finita !!

In una frazione di secondo mi sono passate nella testa 2 cose..

1..”Porca troia era ora, dovevo fare un percorso di 3 mesi, ne sono passati 12 !!”..

2..”Porca troia dove cazzo mi manda adesso !!”..

Accenno a un  “maa..” interrogativo e striminzito, e senza nessuna esitazione mi sento dire la destinazione.

Potrebbe anche andare bene ma non è questa la ragione del mio post.

Fatto sta che oggi ho accennato a qualche collega il mio trasferimento e nelle loro parole ( che per altro non ho recepito ) ho notato una nota di disappunto di dispiacere e di amarezza molto marcata. Questo mi ha riempito di orgoglio, ho fatto quello che dovevo fare, mi sono posto in modo tale da far sentire la mia mancaza, ho lasciato un segno indelebile dentro di loro, ma adesso tocca ad altri.

Credo che questo sia uno dei piaceri della vita, una piccola soddisfazione, una piccola vittoria.

Permalink 1 commento

Cacciatore di aquiloni..

ottobre 2, 2008 at 5:47 pm (donne, lavoro, personale, vita) (, , )

Come al solito oggi ero a lavoro, e come al solito la mattinata proseguiva piatta. E’ il mio turno, il mio turno di fare la pausa. Tutti i giorni mentre vado “al turno” ( non chiedetemi perchè la pausa la chiamano “turno”, non l’ho mai capito ) mi fermo nell’angolo giornali\libri, ovviamente per leggere la “gazza” che ad un certo punto vedo una luce immensa, accecante, calda che nasce alle mie spalle…è Lei.

Lei che con quei suoi capelli lisci castano scuro, quasi a caschetto, Lei che con i suoi occhialini “fashion” e i pantaloni “sobri” a quadretti dentro gli stivali ed un maglione in tinta con i capelli che sapeva tanto di “calduccio”, Lei che con il suo viso leggermente allungato e nessun gesto o movimento che potesse attirare l’attenzione, è Lei che sta curiosando un libro.

Mi girai leggermente con la testa e gli occhi senza ruotare il busto (mi avrebbe sgamato di brutto) per accertarmi che fosse veramente Lei e cosa stesse leggendo. Immagino fosse stato ” Il cacciatore di aquiloni ” ( non ne sono sicuro )  con molta nonchalancemi girai, del tutto stavolta, con la “gazza” in mano e..

Io – Bello quel libro..(stranamente deciso, con una faccia simpatica e e lo sguardo da figo)

Lei – Eh immaginavo, è tanto che lo voglio prendere…l’hai letto?? ( con un sorriso un po sorpreso e credo un po imbarazzato )

Io – Si.. bello davvero, se sei indecisa te lo consiglio ( un po meno deciso )

Lei – Ah grazie se mi dici cosi’ allora lo prendo ( già più a suo agio )

Io – Vedrai mi ringrazierai.. eheh

E cosi’ ci salutiamo, ed esattamente 1 secondo dopo mi torna la stessa cosa che mi succede tutte le (poche) volte che la vedo…mi viene da “grattarmi”, ma non una spiura tipo morso di zanzara ma di quelle da brivido, quelle basta sfiorarlo e ti passa, dappertutto per 5 secondi. Non ho mai sentito nessuno che abbia avuto sta cosa, quindi, o è lei che mi piace troppo o sono io che non ci sto più con la testa o è lei che ha scabbia ( e me l’attacca tutte le volte ). Cosa sarà??  Ho deciso sposo anche Lei !!

P.S. Uno, non so se il libro fosse quello e due, anche se fosse, NON l’ho mai letto..( speriamo che non faccia cagare)

Permalink 10 commenti

??Statua della libertà??

settembre 25, 2008 at 10:46 pm (donne, lavoro, personale) (, )

Corso di apprendistato…DU MARAUN !!!

Otto ore ??!!?  no bhe fuori di testa. Si parte con un’aula con una quindicina di ragazzi\e e una presentazione a coppie tipo alcolisti anonimi

– ciao io sono, faccio questo, ho fatto quello, sono cosi’, ero colà…

Poi si continua con la richiesta da parte del “docente” di scrivere su biglietti rigorosamente anonimi domande sull’apprendistato e sulla Coop, bene o male queste benedette domande erano tutte simili, ” quando è nata la Coop”, “a cosa serve l’apprendistato”, “perchè è nata la Coop” ecc..Il tipo con la consueta lagna, il gironzolio per la stanza a passo lento e lo sguardo perso nel nulla tipico di unprofessorino di storia, stanco del suo lavoro parte con il dire :

-( toccandosi le punte delle dita di una mano con le punte delle dita dell’altra) Allora ragazzi la rivoluzione inglese…?…

EHH  ??!  Ma mi dici a me checccazzo me ne strafotte della rivoluzione inglese che devo solo affettare della mortadella !!! 

Lui imperterrito, continua con il suo riportino sbarazzino del cazzo e gli occhiali anni ’60, a parlare della rivoluzione francese, crisi del 29 in america, new deal..e “udite udite” con che azione è cominciata la rivoluzione americana??

Ma dico io..uno non me ne può sbattere di meno (se lo avessi voluto sapere lo avrei studiato ai tempi), due ti sembra che ho la faccia di uno che lo sa ?? e tre chi te lo ha chiesto ?? e comunque fatto sta che le risposte alle nostre domande anonime non le ha avute nessuno. L’unica nota positiva di quest’oggi è stata la (docente) la tipa addetta alla formazione o che cazzo ne so, diciamo che mi ricordo ben altro di lei. Ragazzi che donna !! 34 o 36 anni, bellissima, gran bel fisico con quelle simpatiche ed innocenti lievi lievi rughine in viso, un sorriso smagliante, una cultura che lo sa solo lei ed una vaga ironia sarcarstica che ti prende. Bohn ho deciso, la sposo! Ragazzi che donna !!

P.s. Lo sapevate che la statua della libertà non è americana !??!

Permalink 5 commenti

Il lavoro nuoce gravemente alla salute..

settembre 24, 2008 at 7:50 pm (cagate, lavoro, personale) (, )

Ieri sera come da due settimane a questa parte mi sono “sparato” un film, L’uomo senza sonno. Bellino in realtà, anzi direi particolare se non fosse che me lo hanno “venduto” come film horror (che assolutamente non è). E’ uno di quei film che se ne perdi un millesimo di secondo non capisci più un “pistolino”. Comunque l’argomento principale non è il film bensi’ quello “psicolabile” ( premetto che non so cosa vuol dire, anzi non so nemmeno se eseiste sta parola, pero’ rende l’idea) di mio fratello, che si addormenta all’inizio del film, vabbè chissene, dopo un po suona il suo cellulare lui si sveglia (??!??) e mi da il suo telefono, io perplesso pensando che fosse rincitrullito dal sonno mi limito a dirgli :

– Guarda che è tuo il cel..

e lui dalla faccia avrei detto ancora più perplesso di me :

– Glieli puoi dare tu i soldi a questo..??

poi il discorso prosegue cosi..:

A- EHHHHHH ????!!

V- Dai daglieli tu i soldi !! (con tono al quanto arrogante)

A- Vishi ma CHECCCCAZZO dici ??!??

V- Dai cazzo ma non ha mai dato i soldi a nessuno te!!?? ( il tutto sbattendomi continuamente il cel in faccia) dai mettiglieli tu sul conto corrente ( con faccia seria e determinazione)

A- (sempre più sconcertato) AHò MA CHECCCACCAZZO STAAAI  DICENDO !! MA CHI !! MA CHE SOLDI !! è UN TELEFONO QUELLO !!

V-(non capendo il perchè del mio tono aggressivo e irruento) Bho vabbè..

Cioè mi stava chiedendo insistentemente di mettere dei soldi sul conto corrente di un cellulare..Oggi ha osato chiedermi perchè ero cosi’ incazzato stanotte.

Il lavoro in banca gli ha dato alla testa !!

Permalink 2 commenti

Gufata..

settembre 9, 2008 at 1:50 pm (cagate, lavoro, personale) (, )

09-09-08   Ore 9.37   Coop Rubiera

SvegliatoMi alle 6.00 per essere a lavorare dopo due settimane di totale nullafacenza, (nelle quali la cosa più faticosa che ho fatto è stata tirare due pugnetti al cuscino per renderlo ancora più comodo) l’umore era quello che era. Avendo poi corso come un dannato a destra e a manca per preparare il reparto LSS (latticini salumi surgelati) per l’apertura del negozio, essendo di conseguenza spossato e debilitato, mi avviai alla volta della sezione latte UHT (a lunga conservazione), (con la stessa voglia di uno che deve FICCARSI un MATITONE su per il CULO), per il rifornimento di esso. Cominciai con il bestemmiare in coreano, dopo aver tagliato una bottiglia di latte Parmalat con il cutter, ma mi feci forza, e continuai nel mio intento che diventava sempre più arduo. Ad un certo punto sentii tossire, tosse grassa causata sicuramente da fumo, accompagnata da un “ve giUvanot” con voce rauca, mi girai e vidi che era un vecchietto innocente un po gobbetto un po rugoso e un po decrepito..

-non è che mi prenderesti quello, che non ci arrivo..

-mo perbacco ci mancherebbe altro..!!

risposi con tono squillante.

-seet, la me schina…ohh la me schina (sai, la mia schiena…ohh la mia schiena)

me lo disse come lo direbbe uno stanco di vivere.

Gli risposi con un semplice ma sempre efficace sorrisino forzato. Lui continuò imperterrito nella sua missione..

-va là va là, goditi la tua età che tanto fra un po..

aggrottai la fronte in segno di un leggero disappunto, mentre lui..

-poi non si sa mai, può succedere qualsiasi cosa, anche mentre torni a casa oggi…     

-?!!!?!?£$%&!£$?#@§ ]…

feci il solito sorrisino da beota che sa tanto di approvazione forzata e mi girai…….con molta nonchalance mi toccai i COGLIONI e tra me e me..

-BRUTTO VECCHIO DEL CAZZO, MAMMMUORI TUU..!! STO STRONZONE BBBASTARDO, SACCO DIMMMERDA, CAT VEGNA NASSIDEINT (che ti venisse un “accidente”)..

e molto altro, sinceramente gliene ho tirati tanti che, sul fatto che sia arrivato a casa sano e salvo non ci metterei la mano sul fuoco ne ci giurerei.

Permalink 4 commenti

Banchiere..?!?!?

agosto 26, 2008 at 10:22 am (lavoro, vita) (, , )

 

Ma è possibile che uno cosi’ sia appena stato assunto in BANCA  ???

bhe assunto ancora no ma è questione di giorni di burocrazia. Dopo 4 estenuanti colloqui tra addetti al personale, psicologi, e direttori ci è riuscito li ha superati tutti, manco mia sorella era riuscita nell’impresa e dire che mia sorella è una che ci sa. Allora auguroni al mio fratellino (o fratellone) !!!

Permalink 1 commento

!!!!!….!

agosto 25, 2008 at 12:17 pm (lavoro) ()

Buon lavoro a tutti e mi raccomando non stancatevi troppo!!

Io mi riposerò anche per voi!!

Permalink 1 commento

Next page »